Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
Montmartre, la leggendaria collina degli artisti di Parigi
Il quartiere di Montmartre giace su una collina affacciata su Parigi. Durante La Belle Époque, un periodo della storia francese compreso tra il 1880 e il 1914, le sue strade ospitavano alcuni dei più grandi artisti del mondo.
Montmartre, la leggendaria collina degli artisti di Parigi
Il quartiere di Montmartre giace su una collina affacciata su Parigi. Durante La Belle Époque, un periodo della storia francese compreso tra il 1880 e il 1914, le sue strade ospitavano alcuni dei più grandi artisti del mondo.

Il quartiere di Montmartre giace su una collina affacciata su Parigi. Durante La Belle Époque, un periodo della storia francese compreso tra il 1880 e il 1914, le sue strade ospitavano alcuni dei più grandi artisti del mondo. Montmartre è stato per lungo tempo uno dei cuori pulsanti della cultura e della storia parigina.

La rilevanza di Parigi nell'universo artistico rende Montmartre una meta quasi obbligatoria per i creativi che si vogliono mettere in viaggio. Visitandola, potreste essere ispirati dalla magia dell'arte che sembra essere aleggiare ancora oggi per quelle strade.

Qui sotto vi presentiamo la storia di Montmartre e i motivi per cui è considerato un quartiere così speciale.

Alle origini di Montmartre tra fattorie e mulini a vento

Il luogo dove oggi sorge Montmartre è abitato fin dai tempi antichi. Gli insediamenti presenti sulla collina sono stati teatro del martirio di Saint Denis, nel 250 d.C. Chiese merovingie e abbazie sono sorte sul colle di Montmartre fin dal Medioevo. Nel Rinascimento, esso ospitava un villaggio rurale e diverse miniere di gesso. 

Il villaggio rurale era punteggiato di vigneti e mulini a vento. Il suo aspetto pittoresco e le viste che offriva sulla metropoli sottostante divenne presto famosa tra gli artisti, e il pittore Georges Michel catturò la bellezza rustica dell'area già intorno al 1820, ne Il mulino di Montmartre. Nel giro di quarant'anni, il quartiere avrebbe perso la sua natura agraria venendo annesso all'interno dei confini di una Parigi in rapida espansione. 

Georges Michel, Paesaggio con mulino e una veduta di Montmartre,

Originariamente, Parigi era stata costruita sullo stile urbanistico dell'Antica Roma, con due strade principali che si intersecavano perpendicolarmente al centro dell'abitato. La città medievale, però, si è evoluta verso l'esterno, senza regolarità. Ma nel XIX secolo ci fu un cambiamento radicale. L'urbanista Georges-Eugène Haussmann venne messo a capo del processo di modernizzazione della città. Vennero creati parchi e migliorate le infrastrutture, e i sobborghi vennero annessi alla città. Nel 1860, il villaggio di Montmartre divenne il 18esimo arrondissement della città.

Nonostante la sua urbanizzazione, Montmartre mantenne le proprie caratteristiche distintive, tra cui gli antichi edifici, le strade strette e ripide e i mulini rustici, alcuni dei quali esistono ancora oggi.

La Montmartre dell'intrattenimento e dei cabaret

"In questa terra bizzarra si riunivano moltitudini di artisti, scrittori, pittori, musicisti, sculture, architetti. Alcuni in una loro proprietà, ma molti in alloggi arredati, circondati dai lavoratori di Montmartre, dalle signore inamidate di rue Bréda, dai pensionati di Batignolles, che spuntavano dappertutto come erba selvatica. Montmartre ospitava ogni tipo di artista". Così scriveva nel 1882 lo scrittore Félicien Champsaur, e queste parole descrivevano la vasta clientela de Le Chat Noir, il cabaret che sembra racchiudere dentro di sé l'intrattenimento popolare per il quale Montmartre era conosciuto.

Jane Avril,  Henri de Toulouse-Lautrec, 1893

Nella seconda metà del XIX secolo, alcuni dei mulini sulla collina erano stati convertiti in sale da ballo, e vino e chiacchiere fioccavano. Un mulino del XVII secolo, chiamato Le Moulin de la Galette, aveva iniziato a servire bevande negli anni '30 del 1800. Entro la fine del secolo il locale ospitava anche una sala da ballo, che divenne leggendaria e ospitò balli energici e magnifiche serate danzanti, ritratti da artisti del calibro di Henri de Toulouse-Lautrec and Vincent van Gogh.

Anche dopo essere stato incluso nella città, ai tempi un giorno a Montmartre era ancora considerato come una giornata in campagna. Ci voleva circa un'ora di cammino per raggiungere i mulini. Nel 1889 venne aperto il celebre Moulin Rouge (non proprio a Montmartre, ma accanto). La fama della sua sala da ballo è leggendaria: è qui che nacque il can can. Oggi il Moulin Rouge è un'altra attrazione turistica di notevole rilevanza.

Una serie di cartoline che ritraggono i tanti poster dei cabaret di Montmartre nella Belle Epoque
Una serie di cartoline che ritraggono i tanti poster dei cabaret di Montmartre nella Belle Epoque // wonews.it // CC-SA-BY. Attribution is required with a link to this page. L'attribuzione è richiesta con un link a questa pagina

Un famoso cabaret di Montmartre è Le Chat Noir. Anche se rimase aperto soltanto dal 1881 al 1897, l'iconico poster di Théophile Steinlen ha reso immortale il nome di questo luogo. Attirando folle di scrittori, il locale iniziò a pubblicare un giornale con lo stesso nome. Le Chat Noir fu anche l'ambientazione di alcuni dei primi spettacoli di cabaret di Parigi. Qui si potevano comprare bevande a prezzi ragionevoli e ammirare spettacoli che sfidavano i rigidi costumi sessuali della borghesia. Il cabaret finì per attirare visitatori di tutte le classi sociali.

“Tournée du Chat Noir de Rodolphe Salis,” di Théophile Alexandre Steinlen, 1896.

La Belle Époque e gli artisti

Tra i visitatori più frequenti dei cabaret di Montmartre c'erano alcuni degli artisti più memorabili della storia. Dagli Impressionisti ai Post-Impressionisti e ai Modernisti, Montmartre rimase per lungo tempo un centro di ritrovo delle menti più creative della città.

Tra i tantissimi artisti che vivevano, lavoravano o visitavano la collina ricordiamo Vincent van Gogh, Raymond Duchamp-Villon, Henri Matisse, Edgar Degas, Pablo Picasso, Pierre-Auguste Renoir, Amedeo Modigliani, e Henri de Toulouse-Lautrec. Ma Montmartre era frequentata anche dagli scrittori: Langston Hughes passò un po' di tempo nella zona, e lo stesso faceva Émile Zola. Un luogo importante per molti di questi artisti fu Le Bateau-Lavoir, uno studio dove Picasso, Modigliani e Matisse dipingevano.

“Bal du Moulin de la Galette,” di Pierre-Auguste Renoir, 1876.
“Bal du Moulin de la Galette,” di Pierre-Auguste Renoir, 1876.

Tutti gli artisti che ci vivevano omaggiarono Montmartre con diverse opere.  La serie di Van Gogh, "Montmartre", venne dipinta in oltre due anni di soggiorno nell'arrondissement. Al tempo, l'artista era sempre più influenzato dal colore e dalle pennellate degli Impressionisti con cui si stava frequentando. Renoir, invece, ritrasse il Moulin de la Galette nella sua celebre opera Bal du moulin de la Galette (1876). Il dipinto mostra una serie di persone che si godono la socialità di una giornata all'aria aperta.

Il Mulino Le Blute-Fin, Vincent van Gogh , 1886Terrazza di un caffè a Montmartre (La Guinguette), Van Gogh, 1886Collina di Montmartre con cava di pietra, Van Gogh, 1886Veduta su Parigi da Montmartre, Van Gogh, 1886

La Basilica del Sacré-Cœur

I visitatori di Montmartre possono notare subito la Basilica Sacré-Cœur, posta in cima alla collina. La chiesa, con la sua cupola bianca, viene illuminata di notte. Dalla scalinata che portano alla sua entrata è possibile gettare uno sguardo su tutta Parigi.

Sacré-Cœur

La Basilica venne costruita tra il 1875 e il 1914, basata su un progetto di Paul Abadie. La chiesa fu un tentativo reazionario portato dal declino morale percepito dai conservatori, che causò la sconfitta delle Guerre Franco-Prussiane e la Comune di Parigi. Dal momento che la comune rivoluzionaria di Montmartre aveva giustiziato l'Arcivescovo di Parigi, le statue dei re francesi e di Giovanna d'Arco poste sulla nuova chiesa enfatizzavano la connessione tra la Chiesa Cattolica e lo Stato. 

Interno della basilica di Sacré-Cœur di Montmartre
Interno della basilica di Sacré-Cœur di Montmartre // wonews.it // CC-SA-BY. Attribution is required with a link to this page. L'attribuzione è richiesta con un link a questa pagina
Interno della basilica di Sacré-Cœur di Montmartre
Interno della basilica di Sacré-Cœur di Montmartre // wonews.it // CC-SA-BY. Attribution is required with a link to this page. L'attribuzione è richiesta con un link a questa pagina
Copiato!