Homepage Trending Fatti strani
Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
Mondo e Culture
Animali e Natura
Fotografia
Arte e Architettura
Persone
Cibo
Storia e passato
Must-see e Must-have
Diventiamo grandi insieme
a voi. Seguici su Facebook.

Ecco come l'Impressionismo cambiò per sempre la storia dell'arte

Pubblicato il giorno 08/07/2020 alle ore 13:50
L'Impressionismo ha dominato il mondo dell'arte per oltre un secolo. Ammirato per l'approccio nuovo e rivoluzionario adottato dai suoi pionieri, questa corrente artistica ha avviato una profonda evoluzione che è stata uno dei punti di svolta più importanti della storia dell'arte.
Per capire meglio il profondo impatto di questo movimento, ecco la storia dell'origine dell'Impressionismo, delle sue caratteristiche e dell'eredità che si è lasciato alle spalle.

Cos'è l'impressionismo e quando è nato


L'impressionismo è un movimento artistico emerso negli anni '70 del 1800, in Francia. Nacque con il rifiuto nei confronti delle regole rigide delle "belle arti": gli Impressionisti adottarono delle nuove modalità per osservare e rappresentare il mondo, superando la ricerca del perfetto realismo per catturare "l'impressione", molto spesso - ma non sempre - di un paesaggio all'esterno.

Mary Cassatt, Bimba su una poltrona blu  (1878)

Gli impressionisti scoprirono che potevano catturare "il momentaneo e transiente effetto della luce del sole", come spiega il sito dei musei Tate. Per farlo, dovevano "lavorare velocemente, davanti ai loro soggetti, all'aria aperta (en plein air) più che in uno studio". Le pennellate divennero così rapide, separate in tanti colpetti, per riprodurre la qualità sfuggente della luce.

Il nuovo approccio era decisamente differente rispetto alle tecniche tradizionali. Il movimento pittorico risultante cambiò per sempre il corso della storia dell'arte.

La storia dell'impressionismo


Nel XIX secolo, la maggior parte dei pittori francesi aderivano ai canoni tradizionali della Académie des Beaux-Arts, l'organizzazione parigina delle belle arti. Ogni anno, l'Accademia teneva mostre in cui esibiva una selezione di opere, tra cui erano favoriti quelle con soggetti canonici (soprattutto a tema storico, mitologico e allegorico) e stile realistico.
L'impressionismo nacque da un gruppo di artisti stanchi di questo approccio e dei suoi canoni rigidi. Questi artisti, riuniti nella Société Anonyme Coopérative des Artistes Peintres, Sculpteurs, Graveurs ("Cooperativa ed Associazione Anonima di Pittori, Scultori e Incisori"), iniziarono ad inaugurare le proprie esibizioni indipendenti. Tra di essi c'erano i futuri grandi maestri dell'Impressionismo: Claude Monet, Pierre-Auguste Renoir, Edgar Degas e Camille Pissarro. La prima esibizione risale al 1874, ed ebbe luogo nello studio del fotografo francese Nadar. Con le opere di 30 artisti differenti, comprendeva anche la celeberrima Impressione, levar del sole di Claude Monet (1872).

Studio Nadar

I critici emisero giudizi vari. Il giornalista Louis Leroy, analizzando l'opera di Monet, scrisse con disprezzo: "Impressione—di sicuro. Mi dicevo che, visto che ero impressionato, doveva esserci qualche impressione... e che libertà, che disinvoltura di lavorazione! Persino una carta da parati allo stato embrionale è più finita di quel paesaggio"
Nonostante l'intento di Leroy, questo commento aiutò il movimento ad avere il suo nome.

Claude Monet: Impression, Levar del Sole (1872)


Le caratteristiche principali dell'impressionismo


Fin dall'inizio, l'Impressionismo è stato definito da determinate caratteristiche.

Pennellate dense e decise


Forse il tratto più riconoscibile di tutto il movimento, le pennellate si distinguono da quelle delicate delle altre opere d'arte del XIX secolo. Gli impressionisti usavano pennellate spesse, dense, come quelle usate nelle opere in stato di bozza. Era un modo per catturare la natura effimera, volatile di un momento, e permetteva di sperimentare maggiormente con i colori.

Claude Monet, Il Ponte Giapponese (1918/1924)

Un singolare approccio ai colori


L'approccio degli impressionisti al colore era decisamente innovativo. Piuttosto che mischiare i colori per ottenere determinate tonalità, essi raggruppavano più pennellate di diverse tinte. Si nota soprattutto nelle raffigurazioni delle ombre e della neve, che non sono mai semplicemente nere o bianche.

I dipinti dell'Impressionismo mostrano spesso palette di colori neutri con zone di colori vividi che attirano lo sguardo e bilanciano la composizione.

Pierre-Auguste Renoir, Bal du moulin de la Galette (1876)

La luce è protagonista


Gli artisti impressionisti, Claude Monet tra i primi, amavano dipingere en plein air (all'aria aperta). Questo permetteva loro di studiare da vicino la luce e i suoi effetti sui paesaggi, sugli edifici e sugli scorci.
"Per me" disse Monet. "un paesaggio non esiste da solo, perché il suo aspetto cambia in ogni momento. L'atmosfera circostante gli dona la vita: la luce e l'aria variano continuamente. Per me, è solo l'atmosfera che conferisce ai soggetti il vero valore".

Claude Monet, Covoni, fine dell'estate (1891)

Soggetti quotidiani


Un altro aspetto d'avanguardia dell'Impressionismo è la natura quotidiana dei soggetti. I contenuti più tipici dei dipinti impressionisti includono paesaggi, ritratti di amici e famiglia, scene urbane. Tutta un'altra storia rispetto alle scene austere delle opere tradizionali francesi.

Camille Pissarro, Rue Saint-Honoré nel pomeriggio. Effetto della pioggia (1897)

Ritagli ispirati alla fotografia


La fotografia, e la sua capacità di cogliere l'istantaneità del momento, ebbe una grande influenza sulle opere impressioniste. Alcuni dipinti erano delle vere e proprie "istantanee" di specifici momenti nel tempo. Con questa nuove, singolare musa in mente, il framing delle scene ritratte diventò più naturale, e le composizioni erano più asimmetriche, come se fossero state candide fotografie.
In ogni caso, capitava che tutto ciò richiedesse una certa pianificazioni. "Vi assicuro che nessuna arte è mai stata meno spontanea della mia" disse una volta Degas.

Edgar Degas, Prove di balletto in scena (1874)


L'eredità dell'impressionismo


L'influenza enorme dell'Impressionismo si è fatta sentire su molti dei movimenti nati in quei decenni. I post-impressionisti, ad esempio, hanno adottato le particolari pennellate.
L'impressionismo e i paesaggi della California: ecco come gli artisti americani praticarono l' "en plein air" con la loro terra
Gli impressionisti astratti si sono ispirati ai lavori di Monet per studiare nuovi approcci non convenzionali alle forme. I neo-impressionisti, oggi, continuano ad adottare lo stile dei maestri, reinterpretando l'estetica iconica del movimento.



Leggi anche...

Questi artisti cinesi stanno creando dei bellissimi ricami di seta utilizzando delle tecniche tradizionali
Hua Tunan dipinge figure di animali usando schizzi di inchiostro, e il risultato è notevole
I preraffaelliti: ecco come una società segreta di artisti divenne un movimento pittorico
Questo artista polacco racconta la sua lotta con la depressione con dipinti oscuri e misteriosi
Costruendo Ponti: le gigantesche mani di Lorenzo Quinn lanciano un messaggio di unità su Venezia
Vasili Alexandrovich Arkhipov: la storia sconosciuta dell'uomo che salvò il mondo
Questi artisti cinesi stanno creando dei bellissimi ricami di seta utilizzando delle tecniche tradizionali Hua Tunan dipinge figure di animali usando schizzi di inchiostro, e il risultato è notevole I preraffaelliti: ecco come una società segreta di artisti divenne un movimento pittorico
Questo artista polacco racconta la sua lotta con la depressione con dipinti oscuri e misteriosi Costruendo Ponti: le gigantesche mani di Lorenzo Quinn lanciano un messaggio di unità su Venezia Vasili Alexandrovich Arkhipov: la storia sconosciuta dell'uomo che salvò il mondo