Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
La solitudine della metropoli ritratta nelle intense fotografie di Hiroharu Matsumoto
Il fotografo giapponese Hiroharu Matsumoto ritrae le strade di Tokyo con una serie di scatti di una singolare bellezza. La sua estrema attenzione per le linee e la composizione fotografica culmina in immagini coinvolgenti ed emozionanti.
La solitudine della metropoli ritratta nelle intense fotografie di Hiroharu Matsumoto
Il fotografo giapponese Hiroharu Matsumoto ritrae le strade di Tokyo con una serie di scatti di una singolare bellezza. La sua estrema attenzione per le linee e la composizione fotografica culmina in immagini coinvolgenti ed emozionanti.

Il fotografo giapponese Hiroharu Matsumoto ritrae le strade di Tokyo con una serie di scatti di una singolare bellezza. La sua estrema attenzione per le linee e la composizione fotografica culmina in immagini coinvolgenti ed emozionanti. In questa serie, chiamata Quiet Tokyo, l'assenza di colori non soltanto aiuta a rendere le linee più marcate, ma richeggia il tono emotivo dei ritratti. Le fotografie, infatti, vogliono evidenziare un lato nascosto della vivace metropoli giapponese (spesso associata alle scoppiettanti luci al neon).

In Quiet Tokyo risuona la solitudine, la desolazione di una popolazione nascosta nella folla della città. Le linee nelle fotografie, colte con sapienza dagli spazi urbani, sembrano accuratamente realizzate con l'obiettivo di ampliare lo spazio intorno al soggetto, che diventa ancora più piccolo e isolato.

Nella dichiarazione dell'artista, sul sito di Matsumoto, si legge:

 

Tokyo è una delle più grandi aree metropolitane al mondo

Le persone che abitano lì hanno una solitudine unica, ma sono sempre nascosti nella folla della città

Ho cercato di esprimere la solitudine della metropoli negli spazi artificiali con una composizione semplice

 

Qui sotto potete ammirare le immagini di Quiet Tokyo. Se vi piacciono, potete restare aggiornati sui prosismi progetti dell'artista seguendolo su Instagram e Facebook.

Copiato!