Homepage Trending Fatti strani
Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
Mondo e Culture
Animali e Natura
Fotografia
Arte e Architettura
Persone
Cibo
Storia e passato
Must-see e Must-have
Diventiamo grandi insieme
a voi. Seguici su Facebook.
Diventiamo grandi insieme a voi. Seguici su Facebook
info_icon
Siamo appassionati di belle notizie, ne abbiamo ancora un sacco da postare.
fbox_icon fbox_icon fbox_icon fbox_icon

Derinkuyu, l'antica città sotterranea che ospitava ben 20.000 persone

Pubblicato il giorno 24/02/2019 alle ore 15:21
Pensate come potreste sentirvi se, un giorno, scopriste che dietro un muro di casa vostra c'è un tunnel misterioso di cui non conoscevate l'esistenza. E se, addentrandovi nel tunnel, trovaste un altro tunnel e poi un altro e un altro... fino a scoprire un'intera rete sotterranea articolata su 18 piani, piena dei resti di un'enorme e antichissima città.
Sembra proprio l'inizio di un romanzo fantasy, ma in realtà è successo per davvero ad un uomo turco nel 1963. Fu proprio in questo modo, infatti, che dal muro di una casa venne scoperta la città sotterranea di Derinkuyu.
Un tempo Derinkuyu ospitava 20.000 persone, ed è senza dubbio una delle città sotterranee più grandi del mondo. Situata in Cappadocia (Turchia), è stata intagliata nella roccia vulcanica. La città arriva a oltre 75 metri di profondità.

La città sotterranea di Derinkuyu

Si pensa che la città sotterranea di Derinkuyu venne scavata innanzitutto dai Frigi, una popolazione indoeuropea, tra i secoli VII e VIII a.C. Alcune teorie, però, vorrebbero che la città fosse ancora più antica. Alcuni sostengono infatti che fosse un nascondiglio scavato dagli Ittiti d'Anatolia, per sfuggire ai nemici.
Nell'epoca cristiana, a Derinkuyu vennero incluse alcune cappelle. Si pensa che i primi cristiani usassero la città sotterranea come rifugio, per sfuggire alle persecuzioni dei Romani.

Il periodo Bizantino fu particolarmente florido per la città sotterranea: venne usata come rifugio anche durante le guerre Arabo-Bizantine tra il 780 e il 1180. In questo periodo vennero anche scavati ulteriori tunnel, per connettere Derinkuyu ad altre città sotterranee.

I popoli antichi si ingegnavano per portare all'insediamento più comfort e sicurezze possibili. Lunghi pozzi portavano aria fresca dall'esterno. Enormi porte circolari di pietra proteggevano le entrate dagli invasori.
Derinkuyu era provvista di zone che ospitavano il bestiame, di pozzi per l'acqua potabile, ma anche di stanze comuni, stalle, cantine per il vino e presse per l'olio.

Dal 1965 la città è accessibile al pubblico ed è un'attrazione turistica notevole. Rimane come testimonianza dell'incredibile capacità dell'uomo di adattarsi alle condizioni più avverse.

La città sotterranea di Derinkuyu
Nevit Dilmen [CC BY-SA 3.0 or GFDL], via Wikimedia Commons
La città sotterranea di Derinkuyu
Nevit Dilmen [CC BY-SA 3.0 or GFDL], via Wikimedia Commons
La città sotterranea di Derinkuyu
Nevit Dilmen [CC BY-SA 3.0 or GFDL], via Wikimedia Commons
La città sotterranea di Derinkuyu
Nevit Dilmen [CC BY-SA 3.0 or GFDL], via Wikimedia Commons
La città sotterranea di Derinkuyu
Nevit Dilmen [CC BY-SA 3.0 or GFDL], via Wikimedia Commons


La regione della Cappadocia

La città sotterranea di Derinkuyu

Leggi anche...

Gli edifici costruiti nelle posizioni più strane del mondo
L'architetta degli Iowa che documenta quelle che un tempo erano le residenze degli schiavi
"mozzafiato", "menefreghismo" e altre: dodici parole che esistono solo in italiano e che il mondo ci invidia
I due templi buddhisti sopra alle nuvole, su una vetta del monte Fanjing
Il castello di Neuschwanstein, gioiello incastonato nel cuore dell'Europa
Il fascino del simbolismo, che "oggettivizzava il soggettivo" con metafore e rappresentazioni oniriche
Gli edifici costruiti nelle posizioni più strane del mondo L'architetta degli Iowa che documenta quelle che un tempo erano le residenze degli schiavi "mozzafiato", "menefreghismo" e altre: dodici parole che esistono solo in italiano e che il mondo ci invidia
I due templi buddhisti sopra alle nuvole, su una vetta del monte Fanjing Il castello di Neuschwanstein, gioiello incastonato nel cuore dell'Europa Il fascino del simbolismo, che "oggettivizzava il soggettivo" con metafore e rappresentazioni oniriche