Homepage Trending Fatti strani
Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
Mondo e Culture
Animali e Natura
Fotografia
Arte e Architettura
Persone
Cibo
Storia e passato
Must-see e Must-have
Diventiamo grandi insieme
a voi. Seguici su Facebook.
Diventiamo grandi insieme a voi. Seguici su Facebook
info_icon
Siamo appassionati di belle notizie, ne abbiamo ancora un sacco da postare.
fbox_icon fbox_icon fbox_icon fbox_icon

Una serie di sale di controllo sovietiche dall'aspetto stranamente armonico

Pubblicato il giorno 01/11/2019 alle ore 16:24
Nei 69 anni della sua esistenza, l'Unione Sovietica (URSS) è diventata un gigante industriale e tecnologico. L'unione delle repubbliche (diverse delle quali erano membri loro malgrado, tenuti con la forza dietro la cortina di ferro) mandò il primo uomo nello spazio, contribuì a sconfiggere i Nazisti e vide una lunga serie di successi nella sua breve storia, nonostante evidenti problemi nella struttura e nell'organizzazione della sua società.

In alcuni paesi ex-URSS, in particolare Russia e Bielorussia, i cittadini di una certa età guardano ai tempi dell'Unione Sovietica con una certa nostalgia. La vita era difficile e le libertà molto limitate, ma c'era un certo grado di sicurezza e di certezze che oggi non esistono più.
Alcuni giovani oggi hanno incorporato icone e simboli del periodo sovietico nelle correnti della cultura hipster di oggi, soprattutto in Russia, dove non sono stati banditi i simboli comunisti (illegali, invece, in Lituania, Ucraina, Polonia e altri).
Benché molte immagini possono risultare controverse, qualcosa di cui possiamo apprezzare tranquillamente la bellezza sono le sale di controllo dell'età sovietica. Prima della digitalizzazione le centrali elettriche, le ferrovie, i centri spaziali e nucleari dovevano essere controllati da enormi pannelli pieni di bottoni, leve, interruttori e quadranti che oggi sembrano quasi appartenere alla fiction fantascientifica.

sale di controllo sovietichesale di controllo sovietichesale di controllo sovietiche

Ad oggi, queste stanze di controllo non possono non ricordare il disastro del 25 aprile 1986, quando la centrale nucleare di Chernobyl a Pripyat, Ucraina, subì una catastrofica esplosione di fuoco, che risultò nel peggior incidente nucleare della storia.
Secondo quanto riporta Reuters, gli operatori della struttura, violando i regolamenti di sicurezza, avevano disattivato degli importanti sistemi di controllo del reattore numero 4, permettendogli di raggiungere una condizione di instabilità. Un sovraccarico portò, alle 1.24 del mattino, a una serie di esplosioni che distrussero l'acciaio pesante e il cemento del reattore e mandarono una nuvola di scorie radioattive su tutta l'Europa del Nord e dell'Ovest.
Oggi la zona di esclusione di 30 km intorno al sito del disastro è popolata da una serie di animali selvatici. Ci sono più di 60 tipi di mammiferi, tra cui lupi, cinghiali e alci.
Si può solo immaginare il panico degli addetti nelle sale di controllo di Chernobyl, quel giorno, mentre il reattore andava fuori controllo.


sale di controllo sovietichesale di controllo sovietichesale di controllo sovietichesale di controllo sovietichesale di controllo sovietichesale di controllo sovietichesale di controllo sovietiche

Leggi anche...

Vasili Alexandrovich Arkhipov: la storia sconosciuta dell'uomo che salvò il mondo
Il paesino sommerso Fabbriche di Careggine riemergerà dalle acque per la prima volta in 27 anni
La vera storia di Pocahontas: da nativa americana a inglese "convertita"
Le storie dei ponti del diavolo più famosi e delle loro leggende
Questo fotografo ha viaggiato per 25000 km in Siberia per ritrarre i volti delle popolazioni indigene
12 curiosità sull'Antartide: il luogo più sconosciuto del pianeta
Vasili Alexandrovich Arkhipov: la storia sconosciuta dell'uomo che salvò il mondo Il paesino sommerso Fabbriche di Careggine riemergerà dalle acque per la prima volta in 27 anni La vera storia di Pocahontas: da nativa americana a inglese "convertita"
Le storie dei ponti del diavolo più famosi e delle loro leggende Questo fotografo ha viaggiato per 25000 km in Siberia per ritrarre i volti delle popolazioni indigene 12 curiosità sull'Antartide: il luogo più sconosciuto del pianeta