Homepage Trending Fatti strani
Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
Mondo e Culture
Animali e Natura
Fotografia
Arte e Architettura
Persone
Cibo
Storia e passato
Must-see e Must-have
Diventiamo grandi insieme
a voi. Seguici su Facebook.
Diventiamo grandi insieme a voi. Seguici su Facebook
info_icon
Siamo appassionati di belle notizie, ne abbiamo ancora un sacco da postare.
fbox_icon fbox_icon fbox_icon fbox_icon

Gli uccelli mummificati di Natron, il lago maledetto che pietrifica gli animali che vi cadono

Pubblicato il giorno 08/01/2018 alle ore 17:51
Il Lago Natron della Rift Valley è il territorio di accoppiamento prediletto dal fenicottero minore, specie in via d’estinzione. Questi uccelli acquatici dalle lunghe gambe possono prosperare, ma per molte altre creature viventi il Lago Natron è l’inferno in Terra: le sue acque altamente alcaline, infatti, costituiscono una trappola mortale per migliaia di piccoli uccelli.

Il fotografo naturalista Nick Brandt ha trovato diversi esemplari di uccelli adagiati sulle sponde del lago maledetto, raccogliendoli e sistemandoli nelle loro pose quotidiane, per immortalarli fino a formare un’inquietante galleria fotografica, che è stata esposta qualche anno fa alla Hasted Kraeutler Gallery di New York.



Situato nella Tanzania del Nord,il Lago Natron ha una temperatura media di 27°C, ed un colore rosso sangue causato dai batteri, gli unici esseri viventi in grado di sopravvivere alla sua mortale alcalinità. Le sue sponde presentano carcasse di piccoli animali, avvolti in delicati sudari di sale che ne bloccano la decomposizione.



L’ostilità delle acque del lago è causata dal sale in esse contenuto, costituito da calcare magmatico sviluppatosi in profondità per poi emergere sotto forma di fiumi di lava e nuvole di cenere alte fino a 16km, provenienti dal vulcano Ol Doinyo Lengai, situato poco a sud del lago, che raccolte dall’acqua piovana vengono riversate nel bacino acquatico.



La pericolosità del Lago Natron è esattamente ciò che lo rende un perfetto luogo per l’accoppiamento dei fenicotteri. Dopo un banchetto a base di alga spirulina, consumato nelle lagune circostanti, questi colorati uccelli si recano in questa landa desolata, e se il livello dell’acqua è quello giusto si posano su isole di sale temporanee costruendo nidi con il fango di polvere vulcanica. Anche nel migliore dei casi, alcuni fenicotteri che compiono questo viaggio ci rimettono la vita: qualora dovessero cadere nel lago è lì che resteranno, finché Natron deciderà di depositarli sulle proprie rive.


Leggi anche...

Il Buddha gigante di Leshan, la colossale statua che vegliava sulle navi che scendevano i fiumi del Monte Emei
Il segretario, l'incredibile rapace dalle eleganti ciglia
Il profondo legame tra i cacciatori mongoli di Altai e le loro aquile reali
Viaggio a Oymyakon, la cittadina più fredda del mondo, dove la temperatura arriva a -71°C
Gli scatti di Liam, perso nella notte di Tokyo
Le foto del più grande festival di sculture di ghiaccio e neve del mondo
Il Buddha gigante di Leshan, la colossale statua che vegliava sulle navi che scendevano i fiumi del Monte Emei Il segretario, l'incredibile rapace dalle eleganti ciglia Il profondo legame tra i cacciatori mongoli di Altai e le loro aquile reali
Viaggio a Oymyakon, la cittadina più fredda del mondo, dove la temperatura arriva a -71°C Gli scatti di Liam, perso nella notte di Tokyo Le foto del più grande festival di sculture di ghiaccio e neve del mondo