Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
Le 10 mode più stravaganti della storia
Il cambiamento è una delle proprietà intrinseche della moda: veloci o lente, le tendenze arrivano nelle nostre vite, per un po' ne fanno parte, per poi sparire.
Il cambiamento è una delle proprietà intrinseche della moda: veloci o lente, le tendenze arrivano nelle nostre vite, per un po' ne fanno parte, per poi sparire. Nel corso della storia, quindi, possiamo contare innumerevoli mode, diverse in base alla cultura, al momento storico, al posto nel mondo. Alcune di queste sono state così particolari, stravaganti e buffe che abbiamo deciso di ricordarle in questa particolare classifica.
Una lista di 10 trend che pur essendo storicamente lontani ci possono far ragionare sulla nostra società sempre più dipendente da influencer e cambi di moda repentini.

1. The "Alexandra limp"




La principessa del Galles Alexandra era una vera e propria icona di moda nell'Inghilterra del 19esimo secolo. Tutte le donne del paese seguivano il suo stile proprio come succederebbe adesso sui social media. Provate a pensare a Chiara Ferragni, due secoli fa, a Londra e avrete capito chi era Alexandra. Durante la sua vita seguì e lanciò diversi trend, il più bizzarro, però, viene da tutti ricordato come The Alexandra limp, ovvero lo "zoppicare" di Alexandra. Nel 1867 Alexandra diede alla luce il suo terzo figlio, ma durante il parto qualcosa andò storto e la principessa si ammalò di una forte febbre. Alexandra non si riprese mai completamente da questo crollo fisico e la sua gamba sinistra rimase rigida per il resto della sua vita. Fu proprio questa gamba, che costringeva la principessa a zoppicare, a lanciare la grande moda. Moltissime donne inglesi cominciarono a camminare per le strade zoppicando, proprio come faceva la loro icona di stile. Il trucco era portare una scarpa con il tacco e una no, così da mimare perfettamente l'"Alexandra limp".

2. I vestiti composti da arsenico




Avete presente il detto "Per essere belle bisogna soffrire"? Nel 19esimo secolo questo era ben più di un detto, ma un vero e proprio stile di vita. La vera sofferenza riguardava i vestiti tinti di verde, questi, infatti, venivano cuciti con un materiale nocivo in cui era presente l'Arsenico. Non conoscendo la pericolosità del veleno molte donne indossavano comunque indumenti verdi sopportando, così, gravi irritazioni alla pelle, se non arrivando addirittura alla morte. Le donne che più hanno sofferto la moda dei vestiti verdi sono state, ovviamente, le sarte dell'epoca. Maneggiando il materiale tutti i giorni, infatti, era fin troppo semplice ammalarsi in poco tempo.

3. Le scarpe "Crakows"




Hanno avuto la maggiore popolarità tra il 14esimo e il 15esimo secolo quando dalla Polonia arrivarono in Inghilterra. Scarpe in cuoi, basse, ma con una lunga punta di diversi centimetri (cambiava in base alla scarpa). La popolarità delle Crakows si basava proprio sulla loro punta, era questa che permetteva di distinguerle dalle classiche scarpe e affidava un determinato stato sociale a chi le indossava. Le scarpe, infatti, erano un simbolo di nobiltà, aristocrazia e classe sociale elevata. Vennero bandite in Francia nel 1368 e in Inghilterra nel 1465.

4. The "Hobble skirt"




Una moda bizzarra nata da un evento ancora più stravagante. The Hobble skirt è stata una tipologia di gonna molto popolare per un breve periodo del 1800. Lunga fino ai piedi, ma legata molto stretta nella parte finale, all'altezza dei polpacci. Si dice che questa strana moda prese forma a seguito del primo volo in aereo di una donna: la signora Edith Berg fu invitata sull'aereo dei fratelli Wright e per paura che la gonna voluminosa si alzasse la legò con una corda alla fine, così da non farla alzare. Una volta scesa dall'aereo la donna si allontanò ancora con la gonna legata e lanciò involontariamente una grande moda. Il trend, però, non durò molto tempo, questo sparì all'inizio della Prima Guerra Mondiale quando le donne avevano bisogno di agilità nel muoversi e non potevano essere ostacolate da una gonna troppo stretta.

5. The "father killer"




Il colletto che uccide, così stretto da poter bloccare il sangue di chi lo indossa. Una moda pericolosa che prese piede nel 19esimo secolo e che fece più di una vittima. La storia racconta che nel 1888 John Cruetzi fu trovato morto sul suo divano: dopo aver bevuto, l'uomo si addormentò e la testa gli cadde sul petto, in questa posizione e a causa del colletto (molto stretto) che indossava, l'uomo morì nel sonno. Il colletto era così stretto da aver bloccato la circolazione sanguigna.

6. I denti neri




Forse una delle più bizzarre mode della storia, diventata popolare molti anni fa, ma basata su un concetto sempre attuale: voler apparire ricchi. Tra il 1710 e il 1770 il consumo di zucchero aumentò vertiginosamente: i nobili di tutta Europa iniziarono a mangiare dolci, marmellata e bere tè e caffè. Il consumo era così elevato da far diventare neri i denti di chi ne faceva uso. Non ci volle molto per far diventare questo un vero trend, simbolo di ricchezza e abbondanza. Le persone del popolo si annerivano i denti con vari stratagemmi in modo da far crede di appartenere ad un'elevata classe sociale.

7. Le scarpe "Chopines"




Alte e scomode, le Chopines furono le prime scarpe con il tacco, e che tacco! Arrivarono in Europa nel 14esimo secolo e rimasero fino al 17esimo. Utilizzate dalle donne dell'alta società, le scarpe elevavano le donne dalla strada in modo da non farle sporcare con il fango o la sporcizia presente sul pavimento. Più erano alte, più era elevata l'importanza della donna che le indossava. Questo naturalmente sfuggì un po' di mano alle nobili, tanto da arrivare a indossare scarpe con una suola da 20 centimetri a causa della quale avevano bisogno di diversi aiutanti per riuscire a camminare.

8. Il collare della regina




Nei primi anni del suo regno, la regina Elisabetta I fu una delle pioniere della moda del collare bianco intorno al collo. Inizialmente piccolo, poi sempre più grande, il colletto (the elizabethan ruff) poteva essere indossato da uomini, donne e bambini. Decorato o semplice, in cotone o in lino, divenne velocemente parte dello stile inglese e di tutta l'Europa del nord. Ancora oggi viene indossato dai giudici in Danimarca.

9. I vestiti pomposi




Quante volte abbiamo visto nei film della Disney principesse con ampi vestiti pomposi e principi con l'imbottitura sul petto? Nell'era Vittoriana questa era la moda e uomini e donne di elevata classe sociale la seguivano attentamente in tutta Europa. Il trend prevedeva di avere un'imbottitura rigida sotto diversi strati di vestiti e serviva, soprattutto per gli uomini, per dare l'illusione di un corpo muscoloso, forte e robusto. Le donne, invece, utilizzavano l'imbottitura soprattutto per gonfiare le maniche, il petto e i fianchi. Push-up e spalline imbottite? Arrivano da lì!

10. Codpieces - Pezzo di merluzzo


Wikimedia // PD


Una copertura di legno o di ferro del pene, integrata nell'armatura degli uomini. Erano gli anni fra il 15esimo e il 16esimo secolo quando questa moda era al suo apice di popolarità. Costruiti e indossati come prova dell'esistenza e della grandezza del membro maschile, queste "copertine" si sono evolute con il passare degli anni. Oggi, fortunatamente, sono usate durante le performace di danza o teatro.
Copiato!