Homepage Trending Fatti strani
Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
Mondo e Culture
Animali e Natura
Fotografia
Arte e Architettura
Persone
Cibo
Storia e passato
Must-see e Must-have
Diventiamo grandi insieme
a voi. Seguici su Facebook.
Diventiamo grandi insieme a voi. Seguici su Facebook
info_icon
Siamo appassionati di belle notizie, ne abbiamo ancora un sacco da postare.
fbox_icon fbox_icon fbox_icon fbox_icon

Borobudur, il tempio indonesiano la cui esistenza è rimasta per secoli avvolta nella leggenda

Pubblicato il giorno 13/10/2018 alle ore 11:39
Borobudur è uno dei templi più antichi del mondo. Costruita in Indonesia, sull'isola di Giava, si tratta di una costruzione notevole, paragonabile alle piramidi egizie. Edificata su 1.600.000 blocchi di pietra, le pareti incorporano 2.672 bassorilievi in cui sono raffigurate storie buddhiste.
L'architettura di Borobudur è così complessa che può essere colta interamente soltanto dall'alto. La struttura è a gradini, e la base quadrata.

Borobudur Borobudur

La costruzione di Borobudur



La costruzione dell'opera iniziò verso l'800 d.C., commissionata dalla dinastia dei Sailendra e progettata dall'architetto Gunadharma, che fu affiancato da monaci saggi provenienti da tutto il mondo, che lasciarono la propria influenza nell'architettura di Borobudur. L'idea alla base, infatti, era quella di creare un luogo dove potessero confluire culture diverse dal mondo, e in particolare quelle buddista ed induista.
La costruzione durò ben 75 anni, e richiese la partecipazione di 10.000 persone.

Una statua di Borobudur
Nappio da en.wikipedia.org


La scomparsa di Borobudur e la riscoperta



Nei secoli successivi la regione di Borobudur venne colpita da una serie di cataclismi naturali, tra uragani stagionali e, poco dopo l'anno 1000, un'eruzione vulcanica. Questo spinse le popolazioni del luogo ad allontanarsi. L'eruzione sommerse il tempio di detriti, tra cui nacque vegetazione di vario tipo. Questo determinò la scomparsa di Borobudur, che rimase nella memoria di coloro che vi avevano abitato. A Giava arrivarono popolazioni islamiche che non avevano interesse a disseppellire il tempio, che sprofondò sempre più a fondo sotto a un manto di vegetazione.
Allo stesso modo, anno dopo anno, Borobudur scivolò sempre di più nella leggenda, e dopo qualche secolo nessuno era più certo che fosse mai esistito.

Quando gli inglesi colonizzarono Giava, il governatore Thomas Stamford Raffles si lanciò alla riscoperta di Borobudur, desideroso di verificare se la leggenda aveva un fondamento di verità. Il ricercatore olandese H.C. Cornellius venne incaricato di penetrare nella fitta vegetazione di Giava. Ci vollero diversi mesi, ma alla fine l'esploratore lo trovò, ancora avvolto dalla bellezza e dalla magia dei tempi antichi.



Borobudur
reggaelooper // Pixabay

Borobudur
@adambrazier, Instagram
Borobudur
@dougcharnley, Instagram
Borobudur
frank wouters da antwerpen, belgium - Flickr

Leggi anche...

Il minimalismo conquista il Giappone: la passione per la "casa vuota", lontana dalla società dei consumi
Uno sguardo intimo alla vita quotidiana di chi abita nella zona di alienazione di Chernobyl
Il tempio buddista tailandese interamente costruito con bottiglie di vetro
Le pietre del sole: i cristalli dei vichinghi che permettevano di orientarsi in mare
Le foto dei luoghi di Fukushima lasciati intoccati dal 2011
Le immagini di un raro libro tibetano stampato 40 anni prima della Bibbia di Gutenberg
Il minimalismo conquista il Giappone: la passione per la "casa vuota", lontana dalla società dei consumi Uno sguardo intimo alla vita quotidiana di chi abita nella zona di alienazione di Chernobyl Il tempio buddista tailandese interamente costruito con bottiglie di vetro
Le pietre del sole: i cristalli dei vichinghi che permettevano di orientarsi in mare Le foto dei luoghi di Fukushima lasciati intoccati dal 2011 Le immagini di un raro libro tibetano stampato 40 anni prima della Bibbia di Gutenberg