Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
Nel XIX secolo, i contadini tedeschi trasformavano le grotte in splendide abitazioni rupestri
Langenstein è un villaggio tedesco di circa 2000 abitanti, nei pressi di Halberstadt, vicino alle montagne Harz. Nel 1855, in questo luogo vennero costruite delle incredibili abitazioni rupestri.
Nel XIX secolo, i contadini tedeschi trasformavano le grotte in splendide abitazioni rupestri
Langenstein è un villaggio tedesco di circa 2000 abitanti, nei pressi di Halberstadt, vicino alle montagne Harz. Nel 1855, in questo luogo vennero costruite delle incredibili abitazioni rupestri.

Langenstein è un villaggio tedesco di circa 2000 abitanti, nei pressi di Halberstadt, vicino alle montagne Harz. Nel 1855, in questo luogo vennero costruite delle incredibili abitazioni rupestri. La metà delle 10 caverne originali sono state accuratamente preservate e che oggi sono aperte ai visitatori.

Durante il XIX secolo, la Germania attraversò un processo di rapida industrializzazione e urbanizzazione. Allo stesso tempo, la popolazione crebbe a dismisura, e purtroppo dilagò la disoccupazione. Molti contadini videro sequestrate le proprie terre, e molte persone emigrarono all'esterno. Molte altre, però, migrarono semplicemente in altre zone della Germania, andando in cerca di una sistemazione stabile.

A metà secolo, il maniero di Langenstein e le terre vicine erano di proprietà della famiglia Rimpau.  August Wilhelm Rimpau era un politico e agricoltura che espanse notevolmente i propri possedimenti. Cominciò a cercare manodopera, disposto ad assicurare lavoro a un gran numero di persone a lungo termine. Moltissime famiglie erano disposte a trasferirsi a Langenstein: ciò che mancava erano le abitazioni. Non c'era posto per tutti.

Il consiglio locale si accorse che ai margini del paese c'erano molte formazioni in arenaria morbida. Ben presto sorse l'idea di lasciare che i lavoratori abitassero nelle caverne naturali nelle rocce. Ci fu un'estrazione per determinare quali famiglie dovevano ricevere un posto. Ognuna iniziò poi a scavarsi la propria casa dalla roccia. In cambio di una piccola percentuale del salario mensile, i lavoratori e le loro famiglie si aggiudicavano il diritto di vivere nelle case di roccia per tutta la vita.

Abitazione rupestre a Langenstein

Dopo un'intera giornata passata a lavorare nei campi, i contadini tornavano nei pressi delle loro caverne in arenaria e dedicavano le loro serate a lavorare la roccia. In media, ogni famiglia completava il proprio rifugio in un anno e mezzo. All'inizio, dormivano sotto tetti improvvisati all'entrata. Il freddo erano una consistente motivazione a finire i lavori in fretta. Dentro le caverne, l'arenaria porosa costituiva uno scudo efficace da ogni intemperia. La pioggia rimaneva nei pori, senza penetrare attraverso la roccia. L'aria calda, inoltre, rimaneva intrappolata nella roccia, e contribuiva a mantenere una buona temperatura. 

Abitazione rupestre a Langenstein

Le famiglie arredarono le caverne con mobilio semplice. Le stanze erano illuminate con lampade a sego, e i cibi venivano cucinati con legna da ardere. Erano creativi: costruivano calzascarpe, mortai, bollitori e altri apparecchi in legno, e arrivarono pure a tostare l'orzo per il caffè. I camini erano spostati rispetto alle cucine, per garantire che il calore della cottura venisse mantenuto all'interno per lunghi periodi di tempo. Dei semplici gabinetti a secco venivano installati all'esterno.

I mobili di una delle case scavate nelle grotte di arenaria I mobili di una delle case scavate nelle grotte di arenaria

L'ultimo abitante delle caverne morì nel 1910. Il diritto di proprietà non passava ai discendenti, e le caverne diventavano di proprietà del municipio.

Curiosamente, gli abitanti delle caverne di Langenstein lasciavano che il bestiame pascolasse sul tetto. Gli animali impedivano che crescesse la vegetazione, che avrebbe messo a rischio il soffitto delle case.

Copiato!