Homepage Trending Fatti strani
Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
Mondo e Culture
Animali e Natura
Fotografia
Arte e Architettura
Persone
Cibo
Storia e passato
Must-see e Must-have
Diventiamo grandi insieme
a voi. Seguici su Facebook.

I richiami, gli squittii e il complesso linguaggio degli iraci del Capo

Pubblicato il giorno 21/06/2020 alle ore 00:55
L'irace del Capo (Procavia capensis), anche chiamato anche procavia delle rocce, è un mammifero nativo dell'Africa e del Medio Oriente.
Di medie dimensioni, con un peso compreso tra i 4 e 5 kg, l'irace del Capo ha coda e orecchie corte. Vive tra le fenditure nelle rocce, tipicamente in gruppi estesi che comprendono una sentinella, a cui è assegnato il compito di avvertire quando un predatore si avvicina.

Diversi studi sulle reti sociali degli iraci del Capo hanno evidenziato che le loro società seguono la regola dell'equilibrio cognitivo di Fritz Heider: seguono il principio "l'amico del mio amico è un mio amico" e del "il nemico del mio amico è un mio nemico", evitando così di generare configurazioni sociali non bilanciate. Si tratta del primo animale in cui è stata scoperta l'osservanza di questa regola.

Irace del Capo

Un'altra sorprendente particolarità di questi animali è che producono molti differenti versi e vocalizzi. Gli esemplari cresciuti in cattività possono produrre oltre 20 suoni, che possono veicolare informazioni complesse come l'età, lo status sociale e la condizione del "parlante". Ma c'è di più: i ricercatori hanno anche scoperto che gli iraci del Capo comunicano seguendo una sintassi ricca e abbastanza complessa, che varia in base alla zona geografica dell'animale, in quello che può essere visto come una sorta di "dialetto".

A dicembre del 2019 sono stati pubblicati i risultati di uno studio ventennale che si è concentrato sui richiami e sugli squitti degli iraci del Capo d'Israele, analizzandoli da un punto di vista linguistico. Lo studio, pubblicato su Evolution Letters, voleva determinare se il linguaggio di questi animali segue la Legge di Zipf, o "Legge della Brevità", che afferma che le parole utilizzate più frequentemente per comunicare tendono a diventare più corte di quelle meno comuni. Queste legge spiega come mai tendiamo ad abbreviare parole come "televisione" (in "Tv") o "università" (in "uni"): si tratta di un tentativo automatico di risparmio di energia. I risultati dello studio hanno svelato un nuovo livello di complessità per quanto riguarda gli iraci: le femmine, che tendono a vivere più vicine le une con le altre, producono richiami più lunghi ma meno sonori. I maschi, invece, che tendono ad essere più solitari, emettono richiami più rumorosi, anche a costo di utilizzare più energia. Più che la lunghezza, è proprio l'intensità del segnale che conta maggiormente nel mondo animale.

Irace del CapoIrace del Capo


Leggi anche...

Il codibugnolo di Hokkaido, l'uccellino che sembra un batuffolo di cotone con le ali
Il cavallo Haflinger "Raperonzolo" con una criniera di una perfezione surreale
20 cuccioli di animali rari che probabilmente non avete mai visto
Se non pensi che i criceti siano teneri, ecco una raccolta per farti ricredere
La tenerezza dello scoiattolo volante giapponese
16 animali che rischiano di estinguersi prima che noi moriamo
Il codibugnolo di Hokkaido, l'uccellino che sembra un batuffolo di cotone con le ali Il cavallo Haflinger "Raperonzolo" con una criniera di una perfezione surreale 20 cuccioli di animali rari che probabilmente non avete mai visto
Se non pensi che i criceti siano teneri, ecco una raccolta per farti ricredere La tenerezza dello scoiattolo volante giapponese 16 animali che rischiano di estinguersi prima che noi moriamo