Homepage Trending Fatti strani
Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
Mondo e Culture
Animali e Natura
Fotografia
Arte e Architettura
Persone
Cibo
Storia e passato
Must-see e Must-have
Diventiamo grandi insieme
a voi. Seguici su Facebook.
Diventiamo grandi insieme a voi. Seguici su Facebook
info_icon
Siamo appassionati di belle notizie, ne abbiamo ancora un sacco da postare.
fbox_icon fbox_icon fbox_icon fbox_icon

Ferdinand Cheval, l'uomo che passò 33 anni a costruire un palazzo con pietre raccolte da terra

Pubblicato il giorno 01/07/2018 alle ore 19:45
Nato da una famiglia povera nel dipartimento francese di Drôme, Ferdinand Cheval ha iniziato a lavorare presto come postino. A Hauterives, mentre stava effettuando una consegna, ebbe un piccolo incidente che cambiò per sempre la sua vita: inciampò su una pietra, che raccolse e che chiamò pierre d'achoppement (pietra d'inciampo).

pietra d'inciampo di Ferdinand Cheval


La pietra aveva un aspetto molto particolare, e il giorno dopo Cheval tornò sul luogo e trovò molte altre pietre interessanti. Quando le vide, venne colpito da un'ispirazione. Da allora, ogni giorno si recava a raccogliere le pietre dopo i suoi turni di lavoro, le metteva in tasca e le portava a casa. Ben presto, per trasportarle iniziò ad usare un cesto e poi una carriola.
Per 33 anni, dal 1879 al 1912, continuò a raccogliere le pietre di giorno, mentre di notte costruiva il suo Palais Idéal, il "Palazzo Ideale", sotto la luce di una lampada ad olio. Non si fermò mai, nonostante le critiche e le derisioni dei suoi vicini.
I primi venti anni vennero dedicati alla costruzione dei muri esterni e delle sculture: le pietre venivano unite con calce, malta e cemento.
Alla fine, il Palais Idéal divenne un mix di diversi stili architetturali, prendendo ispirazione anche da elementi tipici di diverse religioni, tra cui il Cristianesimo e l'Induismo.
Le statue decorative raffigurano diversi animali, tra cui il polpo, il caimano, l'elefante, l'orso, gli uccelli, ma anche creature mitiche come giganti e fate.

Il suo lavoro è considerato un esempio notevole di architettura naïve (ovvero, creata da qualcuno senza una formazione formale). Il Palais Idéal ha ricevuto riconoscimento da personalità come André Breton, fondatore del surrealismo, Pablo Picasso, pittore spagnolo, e Max Ernst, artista tedesco.

Palazzo Cheval


Palazzo Cheval

Palazzo Cheval


Palazzo Cheval

Palazzo Cheval


Palazzo Cheval

Palazzo Cheval






Leggi anche...

I disegni del 21enne che raccontano la Seconda Guerra Mondiale da una nuova prospettiva
Questo artista crea delle sculture di piume intagliandole con bisturi e forbici chirurgiche
La storia e i significati del colore verde, dalla divinità egizia Osiride alle ninfee di Monet
Guy Fawkes: la vera storia del cospiratore che diede il volto alla maschera degli anarchici
"Editoriale a Piena Pagina": il disegno nella sabbia che prega il Giappone di ridurre l'uso della plastica
Il Winter Garden Theatre, il teatro edoardiano di Toronto con il soffitto coperto di piante
I disegni del 21enne che raccontano la Seconda Guerra Mondiale da una nuova prospettiva Questo artista crea delle sculture di piume intagliandole con bisturi e forbici chirurgiche La storia e i significati del colore verde, dalla divinità egizia Osiride alle ninfee di Monet
Guy Fawkes: la vera storia del cospiratore che diede il volto alla maschera degli anarchici "Editoriale a Piena Pagina": il disegno nella sabbia che prega il Giappone di ridurre l'uso della plastica Il Winter Garden Theatre, il teatro edoardiano di Toronto con il soffitto coperto di piante