Homepage Trending Fatti strani
Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
Mondo e Culture
Animali e Natura
Fotografia
Arte e Architettura
Persone
Cibo
Storia e passato
Must-see e Must-have
Diventiamo grandi insieme
a voi. Seguici su Facebook.
Diventiamo grandi insieme a voi. Seguici su Facebook
info_icon
Siamo appassionati di belle notizie, ne abbiamo ancora un sacco da postare.
fbox_icon fbox_icon fbox_icon fbox_icon

Viaggio a Penas Ciudad Barrios, la prigione dove la polizia ha paura di entrare

Pubblicato il giorno 26/04/2016 alle ore 20:27
A El Salvador c'è una prigione in cui anche la polizia ha paura di entrare, gestita dunque interamente dai suoi detenuti.
Si chiama Penas Ciudad Barrios ed è riservata ai membri di una gang ritenuta una delle più pericolose del Paese: la Mara Salvatrucha (MS13).

La gang recluta i suoi membri nelle file dei disagiati e fra le persone comuni. Si parla di studenti ed emarginati sociali, che decidono di unirsi alla banda in cerca di una famiglia.

La prigione è ritenuta così pericolosa per i metodi di guadagno della gang, che comprendono l'omicidio e la vendita di droga. A quanto risulta da Wikipedia e alcuni articoli de La Stampa, infatti, pare che i metodi di ammissione siano un pestaggio di 13 secondi per gli uomini e, se le donne invece "preferiscono", possono optare per fare sesso con il capo e gli altri membri della gang.

I prigionieri hanno, nel corso degli anni, sviluppato un intero ecosistema e sono riusciti a gestire perfino un ospedale interno alla prigione. Ospedale che fa capo ad un gruppo di 2500-2600 detenuti a fronte di una capienza iniziale prevista di 800 persone.

Il fotografo Adam Hinton, che durante i suoi viaggi tende a fare foto senza regole prescritte da varie aziende (ha lavorato anche per la Nike & co), ha raccolto una testimonianza dell'interno della prigione - molto coraggiosa - fotografica. Ha tuttavia ribadito, al noto giornale The Guardian, come fosse in realtà sicuro all'interno della prigione dato che è stato lo stesso capo ad invitarlo al suo interno.

Adam racconta: "La stragrande maggioranza dei detenuti vengono dalle baraccopoli. In Salvador questo è un luogo che non offre alcuna speranza o opportunità, e la banda è l'unica opzione reale. Se le autorità ti catturano, questo è il posto in cui ti scaricano, letteralmente, e si dimenticano di te - ogni detenuto si sente proprio così".

I prigionieri sono tutti quasi interamente tatuati. Nella maggior parte dei casi si tratta di tatuaggi con un significato ben preciso, che racconta i crimini e le gang del loro passato.

Potete trovare alcune foto di Adam sul Guardian

Leggi anche...

L'antica guida giapponese che mostrava agli artigiani come disegnare le onde
Le foto dell'Amasunzu, la straordinaria acconciatura del Ruanda che andava di moda quasi 100 anni fa
L'affascinante arte e la storia della pittura cinese su seta
I due templi buddhisti sopra alle nuvole, su una vetta del monte Fanjing
Questa fotografa si sfida a prendere scatti bellissimi in "brutte" location
Le foto di Adrian Borda che ritraggono il fascino dell'interno degli strumenti musicali
L'antica guida giapponese che mostrava agli artigiani come disegnare le onde Le foto dell'Amasunzu, la straordinaria acconciatura del Ruanda che andava di moda quasi 100 anni fa L'affascinante arte e la storia della pittura cinese su seta
I due templi buddhisti sopra alle nuvole, su una vetta del monte Fanjing Questa fotografa si sfida a prendere scatti bellissimi in "brutte" location Le foto di Adrian Borda che ritraggono il fascino dell'interno degli strumenti musicali