Homepage Trending Fatti strani
Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
Mondo e Culture
Animali e Natura
Fotografia
Arte e Architettura
Persone
Cibo
Storia e passato
Must-see e Must-have
Diventiamo grandi insieme
a voi. Seguici su Facebook.
Diventiamo grandi insieme a voi. Seguici su Facebook
info_icon
Siamo appassionati di belle notizie, ne abbiamo ancora un sacco da postare.
fbox_icon fbox_icon fbox_icon fbox_icon

Uno sguardo intimo alla vita quotidiana di chi abita nella zona di alienazione di Chernobyl

Pubblicato il giorno 01/06/2020 alle ore 17:44
Erano i primi di settembre e, mentre la macchina di Raul attraversava la Zona di Alienazione di Chernobyl, il fotografo poteva ammirare i cavalli selvaggi e la fauna fiorente. Il paesaggio era pacifico e quieto, pervaso di tinte verdi e gialle. C'era il sole e faceva caldo: la bellezza di quello scenario era molto lontana dalla visione apocalittica che Raul si era prefigurato.

Il fotografo brasiliano Raul Arantes ha visitato la Zona di Alienazione di Chernobyl sei anni fa, nel 2014. Si tratta di un'area con un raggio di 30 km, intorno alla Centrale Nucleare che causò il disastro del 1986. La zona contiene diverse cittadine e villaggi, perlopiù disabitati. Ma ci sono alcuni residenti che, rifiutandosi di evacuare l'area, o tornando ad abitarla dopo il disastro, oggi sono ancora lì.
Sono conosciuti come "samosely" (in pressoché tutte le lingue). Quando Raul Arantes ha visitato la Zona, ce ne erano meno di 200, tutti quanti piuttosto anziani. I samosely si sostentano con risorse minimali, nutrendosi più di tutto con cibo coltivato da loro stessi. Alcuni rifiutano addirittura il supporto offerto dalle autorità.



Arantes ha scelto di ritrarre i samosely non appena ha scoperto che queste persone stavano ancora vivendo nella Zona proibita. Spinto dalla curiosità e da un naturale desiderio di esplorare e capire la natura umana, ha preferito concentrarsi sulle persone più che su edifici abbandonati. Era interessato a come è la vita in circostanze così particolari.
Teme che oggi, passati sei anni dal suo viaggio, gli abitanti di quei villaggi siano ancora meno di prima. Gli insediamenti sono posti a grande distanza l'uno dall'altro: molti dei samosely vivono completamente isolati.
Visitandoli e guidando in giro, uno degli argomenti più inevitabile è stato quello dell'influenza Russa sul paese.
Questi anziani superstiti passano il tempo dedicandosi all'orto e alla casa. In molte case, vecchie foto sono appese alle pareti. Reliquie di tempi passati, tempi più felici.
Un episodio che Raul Arantes ricorda in particolare è stato quando ha assistito all'incontro di alcuni parenti che stavano visitando uno degli abitanti di un villaggio.



Allontanandosi da Chernobyl, alcune aree sono completamente libere dalle radiazioni, ed è facile vedere persone che pescano e che coltivano ortaggi. La zona è più sicura di quanto non si pensi, anche se ci sono alcuni luoghi ancora molto contaminati: il fotografo ha portato un contatore Geiger per tenere sott'occhio il livello di radioattività.
Mentre molti villaggi sono liberi dalle scorie, ci sono dei punti in cui si riscontrano picchi violenti, specialmente a Pripyat e in alcuni edifici. Raul è però riuscito a sentirsi relativamente al sicuro.
Man mano che il tempo passa, la natura riconquista il proprio territorio. I villaggi si coprono di vegetazione, le persone invecchiano e vengono a mancare. "L'invisibilità della mortalità diventa apparente" conclude Raul.



Raul Arantes: sito web - Instagram - Twitter


Ringraziamo Raul Arantes per aver condiviso con noi la sua storia e averci dato il permesso di postare le sue foto - We thank Raul Arantes for sharing his story with us and for bestowing us the permission to post his photos

Leggi anche...

Una raccolta dei profili Tinder più divertenti ed epici di sempre
Serpent d’océan: il gigantesco serpente che emerge dalle acque sulle coste di Nantes
Un fotografo ha catturato la bellezza delle donne coi capelli rossi di tutto il mondo, per combattere gli stereotipi che le colpiscono
Ecco Pavlopetri, l'antica città sommersa nel Mediterraneo
Sette varianti genetiche che donano “poteri” speciali (e che potresti avere anche tu)
Great Blue Hole, la misteriosa voragine blu nel Mare dei Caraibi
Una raccolta dei profili Tinder più divertenti ed epici di sempre Serpent d’océan: il gigantesco serpente che emerge dalle acque sulle coste di Nantes Un fotografo ha catturato la bellezza delle donne coi capelli rossi di tutto il mondo, per combattere gli stereotipi che le colpiscono
Ecco Pavlopetri, l'antica città sommersa nel Mediterraneo Sette varianti genetiche che donano “poteri” speciali (e che potresti avere anche tu) Great Blue Hole, la misteriosa voragine blu nel Mare dei Caraibi