Homepage Trending Fatti strani
Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
Mondo e Culture
Animali e Natura
Fotografia
Arte e Architettura
Persone
Cibo
Storia e passato
Must-see e Must-have
Diventiamo grandi insieme
a voi. Seguici su Facebook.

Il vestito immerso per 2 anni nel Mar Morto diventa un capolavoro di cristalli di sale

Pubblicato il giorno 28/08/2016 alle ore 15:02
Per un progetto chiamato Sposa di Sale, l'artista israeliana Sigalit Landau ha deciso di immergere un vestito da donna nero nel Mar Morto.
Il vestito è rimasto lì per due anni, e il risultato è strabiliante, grazie ai cristalli di sale che hanno imperlato il vestito.
L'artista ha immortalato il vestito varie volte nel corso del progetto, per documentare la progressiva cristallizzazione. L'opera è stata esibita al Marlborough Contemporary di Londra.

Altre info: Sigalit Landau Marlborough Contemporary




vestito immerso nel mar mortovestito immerso nel mar mortovestito immerso nel mar mortovestito immerso nel mar mortovestito immerso nel mar mortovestito immerso nel mar mortovestito immerso nel mar mortovestito immerso nel mar morto

Leggi anche...

Questo dipinto surrealista immagina un futuro in cui la natura ha ripreso il controllo della città
Le 10 fontane più spettacolari del mondo
I vestiti unici al mondo di Sylvie Facon
I disegni del 21enne che raccontano la Seconda Guerra Mondiale da una nuova prospettiva
Questo fotografo ha visitato i luoghi più famosi del mondo e ha scattato “dal lato sbagliato”
Se il design riflette la distanza e la complessità dei rapporti umani: i lavori di Michael Beitz
Questo dipinto surrealista immagina un futuro in cui la natura ha ripreso il controllo della città Le 10 fontane più spettacolari del mondo I vestiti unici al mondo di Sylvie Facon
I disegni del 21enne che raccontano la Seconda Guerra Mondiale da una nuova prospettiva Questo fotografo ha visitato i luoghi più famosi del mondo e ha scattato “dal lato sbagliato” Se il design riflette la distanza e la complessità dei rapporti umani: i lavori di Michael Beitz