Homepage Trending Fatti strani
Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
Mondo e Culture
Animali e Natura
Fotografia
Arte e Architettura
Persone
Cibo
Storia e passato
Must-see e Must-have
Diventiamo grandi insieme
a voi. Seguici su Facebook.

Storia delle geishe: le misteriose donne d'arte rimaste incomprese in Occidente

Pubblicato il giorno 03/10/2018 alle ore 13:27
Protagoniste di una cultura affascinante, misteriosa e tante volte anche impenetrabile, le geishe sono da sempre delle figure enigmatiche e poco comprese dal mondo occidentale.
Ballerine, intrattenitrici, cantanti e musiciste, queste donne erano (e sono tutt’ora) delle vere artiste. Portatrici di una bellezza angelica e di un’eleganza raffinata, il suono soave dei loro canti iniziò a farsi sentire nelle feste importati giapponesi a partire dalla metà del 1700 quando, nel giro di pochi anni, sostituirono completamente i tradizionali “giullari”.
Donne d’arte, così venivano definite dalla cultura giapponese, educate tramite regole rigidissime, tanto sacrificio e principi ben precisi.

L’educazione di una geisha



Diventare geisha non era affatto scontato e non erano molte le ragazze che riuscivano a compiere tutto il percorso necessario per raggiungere il titolo. Già da giovanissime erano molti gli insegnamenti da apprendere e le regole da rispettare, e queste condizionavano tutta la vita delle donne.
Il titolo precedente a quello geisha era quello di Maiko, questa giovane apprendista era caratterizzata da trucco abbondante e pettinature stravaganti ed è diventata, con il tempo, figura iconica della cultura giapponese (quasi più della geisha in sé). Bisognava aspettare i 21 anni per passare da Maiko a vera e propria geisha, ma arrivate a quel punto, avere un passato da Maiko significava aver compiuto l’intero percorso educativo e, di conseguenza, avere tutte le carte in regola per trascorrere una vita intera da geisha.

Geishe e prostituzione



Purtroppo come tante volte accade il tempo e il tramandarsi della cultura nel resto del mondo ha assegnato alle geishe un’etichetta completamente opposta alla realtà. L’idea arrivata in Europa fu quella di prostitute, donne servili e accondiscendenti ad ogni decisione maschile, capaci di compiacere ogni desiderio e di allietare l’uomo con canti e balli. Niente di più sbagliato.
Le geishe, simbolo di emancipazione femminile, di arte e carattere, vennero così macchiate per sempre con un’idea che non corrispondeva al vero.
L’evento che più portò a questo spiacevole fraintendimento si consumò durante la seconda guerra mondiale: per accontentare i soldato americani furono ingaggiate alcune prostitute, queste vennero chiamate dai soldati “Geisha girls” pur non essendo geishe. Fu facile, una volta tornati in Occidente, confondere il ruolo delle geishe.

Un altro dettaglio, molto importante, è quello relativo all’abbigliamento: mentre le prostitute portano l’Obi (il fiocco fatto con la cintura di tessuto intorno alla vita) davanti, le geishe lo portano sulla schiena. Naturalmente questo particolare è stato spesse volte confuso dagli occidentali.

La raccolta di foto



Solo adesso, dopo avervele fatte conoscere un po’ meglio, vi mostro la nostra raccolta di foto. Queste donne affascinanti, libere ed estremamente all’avanguardia, sono qui ritratte in diversi momenti e pose della loro quotidianità.

Delle giovani mentre suonano vari strumenti musicali: samisen, fuye, taiko, e tsuzumi.
Delle giovani mentre suonano vari strumenti musicali: samisen, fuye, taiko, e tsuzumi.
Detroit Publishing Co // Wikimedia
Foto di geishe dalla George Grantham Bain Collection 1900
Foto di geishe dalla George Grantham Bain Collection 1900
PD // Wikimedia
Foto di geishe dalla George Grantham Bain Collection 1900
PD // Wikimedia
Giovani geishe
PD // Wikimedia
Sul retro la foto recita: geisha di Kanegawa, una fiorente cittadina costiera del Giappone
Sul retro la foto recita: geisha di Kanegawa, una fiorente cittadina costiera del Giappone
National Museum of Denmark from Denmark // Wikimedia
Una geisha vestita per la cerimonia del tè. L'outfit è simile a quello di una maiko, ma il colletto rigirato la identifica come geisha
Una geisha vestita per la cerimonia del tè. L'outfit è simile a quello di una maiko, ma il colletto rigirato la identifica come geisha
Geishe che suonano degli shamisen
Geishe che suonano degli shamisen
Joi Ito from Inbamura, Japan // Wikimedia // CC
Una giovane ragazza giapponese in una foto posteriore alla seconda guerra mondiale
Una giovane ragazza giapponese in una foto posteriore alla seconda guerra mondiale
Geisha in abbigliamento tipico, Giappone, 1931.
Geisha in abbigliamento tipico,  Giappone, 1931.

Leggi anche...

Le teorie del complotto più famose e bizzarre del mondo
Borobudur, il tempio indonesiano la cui esistenza è rimasta per secoli avvolta nella leggenda
Lo spettacolo delle onde congelate dell'oceano a Nantucket
L'ascensore all'aperto più alto del mondo, che si eleva 326 metri sul Parco Nazionale Zhangjiajie
Le volpi artiche fotografate da un minatore russo durante le pause dal lavoro
La bellezza fiabesca della Scandinavia, dove i tetti sono verdi di vegetazione
Le teorie del complotto più famose e bizzarre del mondo Borobudur, il tempio indonesiano la cui esistenza è rimasta per secoli avvolta nella leggenda Lo spettacolo delle onde congelate dell'oceano a Nantucket
L'ascensore all'aperto più alto del mondo, che si eleva 326 metri sul Parco Nazionale Zhangjiajie Le volpi artiche fotografate da un minatore russo durante le pause dal lavoro La bellezza fiabesca della Scandinavia, dove i tetti sono verdi di vegetazione