Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
Chi era Sir John Tenniel, il primo illustratore di Alice nel Paese delle Meraviglie
Nulla batte una bella storia. Eccetto, forse, una storia accompagnata da bei disegni.
Nulla batte una bella storia. Eccetto, forse, una storia accompagnata da bei disegni. Sir John Tenniel fu un artista britannico che creò alcune importanti illustrazioni nel corso del XIX secolo. Iniziando a lavorare durante l'età Vittoriana, Tenniel avviò la sua carriera in qualità di fumettista politico per il Punch magazine. Creò circa 2000 fumetti, ma fu il suo lavoro con Lewis Carroll, per Alice nel Paese delle Meraviglie e Alice Attraverso lo Specchio, che lo rese davvero celebre. Nel 1893 fu anche fatto cavaliere.
Qui sotto raccontiamo la vita e i lavori di Sir John Tenniel.

Alice nel Paese delle Meraviglie, 1865, Sir John Tenniel


Nato a Londra nel 1820, era figlio di un maestro di scherma e danza. John Tenniel frequentò per breve tempo la British Royal Academy, prima di iniziare ad esibire le sue opere alla tenera età di 16 anni. Durante la sua formazione artistica, Tenniel passava un sacco di tempo a disegnare e dipingere le statue classiche presenti alla Townley Gallery di Londra, a copiare illustrazioni dai libri, a studiare le vesti e le armature nel British Museum e a ritrarre gli animali dello zoo di Regent's Park. Così poté affinare la sua tecnica e sviluppare il suo stile distintivo. Ma il ragazzo non amava limitarsi a disegnare ciò che vedeva. La sua maggiore aspirazione era poter disegnare attingendo dalla propria memoria e dalla propria immaginazione.

Nel 1840, quando aveva 20 anni, Tenniel ebbe un incidente di scherma con suo padre e perse la vista all'occhio destro. Nascose tuttavia alla famiglia la serietà della sua ferita e continuò la strada per diventare artista. Unendosi alla Artist's Society of Clipstone Street Life Academy, negli anni '40 del 1800, si fece conoscere come disegnatore di satira politica.
Nel 1850 iniziò a lavorare per il Punch magazine come fumettista: vi avrebbe lavorato fino alla fine della sua carriera.

Autoritratto di Sir John Tenniel, 1889

Nel 1864, tuttavia, Tenniel conobbe Lewis Carroll. Dopo aver letto il manoscritto di Alice nel Paese delle Meraviglie, accettò di creare 42 illustrazioni per la storia. Quando terminò le sue bozze, però, Carroll (notoriamente schizzinoso) ne apprezzò soltanto una: il disegno di Humpty Dumpty. Carroll e Tenniel erano entrambi dei perfezionisti, e la maggior parte della loro collaborazione creativa venne passata in disaccordo circa i dettagli.
Nonostante le diversità, Carroll apprezzava lo stile unico di John Tenniel. L'illustratore riteneva che le creature di Alice nel Paese delle Meraviglie non dovessero sembrare animali veri, ma piuttosto creature inventate. L'immaginazione fanciullesca dell'artista aiutò a visualizzare i personaggi stravaganti e originali che conosciamo oggi.

Sir John Tenniel, Alice, 1865Sir John Tenniel, Alice, 1865

La prima stampa di Alice nel Paese delle Meraviglie venne completata nel 1865. Tenniel non era soddisfatto della qualità della stampa e i libri vennero venduti negli USA invece che in Gran Bretagna. La seconda edizione, dello stesso anno, divenne un best-seller immediato.

Come sappiamo, Carroll scrisse anche Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò, e chiese a Sir John Tenniel di illustrare anche quello. L'artista rifiutò ma poi cambiò idea, e nel 1871 venne pubblicato il libro, benché la relazione tra i due non migliorò mai, e non ci furono ulteriori collaborazioni. Anzi, Tenniel arrivò ad avvisare l'illustratore Harry Furniss circa la sua futura collaborazione con Carroll: "è impossibile. Ti do una settimana, vecchio mio; non durerai un giorno di più".

Humpty Dumpty disegnato per Attraverso lo Specchio, John Tenniel, 1871Il Jabberwocky disegnato per Attraverso lo Specchio, John Tenniel, 1871

Nel 1893 Tenniel venne nominato cavaliere come riconoscimento del suo importante lavoro, sia con Punch sia con i romanzi di Carroll.
Dopo essere andato in pensione molto tardi, a 80 anni, nel 1900, continuò a dipingere finché i suoi occhi glielo permisero.


Alice nel Paese delle Meraviglie, 1865
Copiato!