Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
Le ultime, strazianti opere della prima street artist d'Afghanistan, Shamsia Hassani
Nell'agosto 2021, in seguito alla ritirata delle ultime truppe americane dal paese, l'Afghanistan è stato in pochi giorni riconquistato dai talebani, che costituiscono un'organizzazione politico-militare di integralisti islamici.
Le ultime, strazianti opere della prima street artist d'Afghanistan, Shamsia Hassani
Nell'agosto 2021, in seguito alla ritirata delle ultime truppe americane dal paese, l'Afghanistan è stato in pochi giorni riconquistato dai talebani, che costituiscono un'organizzazione politico-militare di integralisti islamici.

Nell'agosto 2021, in seguito alla ritirata delle ultime truppe americane dal paese, l'Afghanistan è stato in pochi giorni riconquistato dai talebani, che costituiscono un'organizzazione politico-militare di integralisti islamici. Dopo 20 anni di relativa libertà, gli afghani sono nuovamente caduti prede di questi estremisti e tradizionalisti, e c'è particolare preoccupazione per come verranno trattate le donne, soprattutto considerando le brutalità avvenute durante l'ultimo regime. 

Shamsia Hassani, la prima street artist femminile del paese, sta trasformando le sue emozioni in nuove opere d'arte. Questi suoi ultimi pezzi sono particolarmente strazianti e hanno già fatto il giro del mondo. In essi traspare tutta l'angoscia di un'intera generazione di ragazze, a cui probabilmente verrà tolta la libertà di studiare, di avere un lavoro e forse persino di uscire da sole.

Hassani nacque in Iran nel 1988, come rifugiata, quando i talebani controllavano ancora l'Afghanistan. Tornò a casa nel 2005, e la sua determinazione la portò a cercare di fare la differenza. Iniziò ad usare l'arte per provare a guarire le ferite della guerra. Dopo essersi laureata all'Università di Kabul, divenne professoressa d'arte e di scultura, ma acquisì particolare notorietà come street artist. Si definisce la prima street artist donna del paese: in quanto tale, osò portare le sue opere all'aria aperta. I soggetti sono principalmente donne. 

opere d'arte della prima street artist dell'Afghanistanopere d'arte della prima street artist dell'Afghanistan

La scelta di raccontare le donne venne proprio dalla volontà di riportarle davanti agli occhi di tutti, in un paese che le aveva volute rinchiudere, quasi come per cercare di dimenticarsene. Le sue immagini volevano catturare la forza delle donne, ma anche la loro gioia. Volevano mostrare all'Afghanistan un nuovo tipo di donna, energica, forte, volenterosa di ricominciare. Oggi, i suoi ultimi dipinti sembrano avere molti meno colori. Con titoli come "Morte nell'Oscurità" e "Incubo", è ben chiaro cosa vuole esprimere.

I talebani sono figure minacciose, avvolte nell'oscurità. Le donne, invece, sono vestite di blu. In due dei pezzi compare un dente di leone in un vaso nero. Alcuni dei semi volano via, probabilmente come simbolo di una speranza che svanisce.

Non è ancora chiaro quale sarà, di preciso, il destino delle donne del paese. Sembra però inutile sperare che andrà bene. Sarà difficile che alle donne verrà permesso di continuare ad andare a scuola, all'università e al lavoro.

Se volete aiutare, potete considerare di supportare organizzazioni che supportano le donne in Afghanistan. Qua trovate una lista.

opere d'arte della prima street artist dell'Afghanistanopere d'arte della prima street artist dell'Afghanistan

Shamsia HassaniWebsite  Instagram

Copiato!