Homepage Trending Fatti strani
Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
Mondo e Culture
Animali e Natura
Fotografia
Arte e Architettura
Persone
Cibo
Storia e passato
Must-see e Must-have
Diventiamo grandi insieme
a voi. Seguici su Facebook.
Diventiamo grandi insieme a voi. Seguici su Facebook
info_icon
Siamo appassionati di belle notizie, ne abbiamo ancora un sacco da postare.
fbox_icon fbox_icon fbox_icon fbox_icon

Il mézeskalács: storia del pan di zenzero ungherese e dell'arte di decorarlo

Pubblicato il giorno 04/01/2019 alle ore 21:24
Al giorni d'oggi è arrivata sui social, dove riesce a stregare milioni di utenti. Ma si tratta di un'arte più antica di quanto non pensereste. Si tratta della decorazione del pan di zenzero, un dolce tipico dei paesi nordici e di alcuni paesi dell'est.

Uno dei posti che vantano la più antica tradizione nella preparazione di questo dolce è l'Ungheria, dove è conosciuto come mézeskalács.
Se nei paesi occidentali il pan di zenzero è principalmente natalizio, in paesi come l'Ungheria è invece consumato durante tutto l'anno, e i pasticceri preparano i mézeskalács per compleanni, matrimoni e altre feste.

Un antenato del pan di zenzero era preparato dagli antichi Greci: si trattava di tortine fatte con il miele, che venivano anche messe nella bocca dei defunti per il viaggio verso l'aldilà.
Prima della glassa, le decorazioni erano intagliate direttamente nella torta, usando forme intagliate nel legno. I pasticceri più prestigiosi avevano le proprie forme personalizzate, e dunque un proprio stile.

Quando le spezie d'oriente iniziarono a circolare in Europa, al dolce al miele vennero aggiunti zenzero, pepe, cardamomo e altre, in base ai gusti personali.
L'Ungheria è sempre stata una grande produttrice di miele, e questo l'ha resa uno dei luoghi favoriti per il radicamento della tradizione del pan di zenzero. In realtà, il mézeskalács di solito non contiene zenzero, ma un mix delle altre spezie.


L'invenzione della glassatura ha rivoluzionato la decorazione di questi dolci. Uno dei colori prediletti per i mézeskalács d'Ungheria è il rosso. I disegni, che raffigurano fiori, cuori e uccelli, sono stati ispirati da un'altra arte tradizionale ungherese: il ricamo.

Per imparare la pratica della decorazioni con la glassa ci vogliono anni, soprattutto per i disegni multi-colore. Ma i maestri possono arrivare a decorare un biscotto in pochi minuti. La tradizione è spesso tramandata tra le generazioni, e si mantiene sempre viva. E si può capire perché: la bellezza di questi dolci è fin troppa, perché mangiarli diventa un peccato.


Matt Taylor-Gross
Matt Taylor-Gross
Facebook @artonhoney





Leggi anche...

Le bellissime decorazioni dei toast di Eiko Mori
Questa mamma giapponese trasforma le uova al tegamino in opere d'arte culinaria
Il contadino che ha passato 7 anni a costruire un'incredibile rampa a spirale per il suo granaio
A Hay-on-Wye, la città dei libri, ci sono librerie dappertutto (anche per strada)
Da Fort Knox agli Archivi Vaticani: ecco i luoghi più protetti e inaccessibili del mondo
Le foto dell'astrobiologo in Antartide che mostrano quanto velocemente il cibo si congela a -70°C
Le bellissime decorazioni dei toast di Eiko Mori Questa mamma giapponese trasforma le uova al tegamino in opere d'arte culinaria Il contadino che ha passato 7 anni a costruire un'incredibile rampa a spirale per il suo granaio
A Hay-on-Wye, la città dei libri, ci sono librerie dappertutto (anche per strada) Da Fort Knox agli Archivi Vaticani: ecco i luoghi più protetti e inaccessibili del mondo Le foto dell'astrobiologo in Antartide che mostrano quanto velocemente il cibo si congela a -70°C