Homepage Trending Fatti strani
Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
Mondo e Culture
Animali e Natura
Fotografia
Arte e Architettura
Persone
Cibo
Storia e passato
Must-see e Must-have
Diventiamo grandi insieme
a voi. Seguici su Facebook.
Diventiamo grandi insieme a voi. Seguici su Facebook
info_icon
Siamo appassionati di belle notizie, ne abbiamo ancora un sacco da postare.
fbox_icon fbox_icon fbox_icon fbox_icon

Le foto segnaletiche degli anni Venti che sembrano servizi fotografici

Pubblicato il giorno 20/04/2014 alle ore 15:34
Guardandole, non pensereste mai che si tratta di foto segnaletiche. Le foto sono prese dall’archivio della polizia di Sydney, scelte e curate da Peter Doyle.
Destano stupore anche le storie legate ai soggetti: alcuni di questi criminali sembrano usciti direttamente da un film. Ma altri ci permettono di capire come fosse la vita di un malvivente in USA negli anni Venti.

1. William Stanley Moore, stazione centrale di Sydney, 1925. Era un commerciante di oppio, smerciava anche cocaina di dubbia fattura. Era associato con pirati e spacciatori di varie droghe.

william stanley moore


2. Albert Stewart Warnkin e Adolf Gustave Beutler, stazione centrale di Sydney, 1925.
Warnkin (a sinistra) era accusato di aver tentato di stuprare una bambina di 8 anni.
Non si conosce l'imputazione di Beutler, ma una nota sulla foto lo descrive come "ostinato ed osceno".

Albert Stewart Warnkin e Adolf Gustave Beutler


3. Henry Leon Crawford.
Quando venne arrestato, lavorava in un hotel come inserviente, accusato di aver ucciso la moglie.
In realtà, la polizia scoprì che l'uomo era una donna di nome Eugenia Falleni, che aveva finto di essere un uomo dal 1899. Nel 1914, nei panni di "Harry Crawford", la Falleni aveva sposato la vedova Annie Birkett. Tre anni dopo, poco dopo che Annie aveva annunciato al parente di aver scoperto "qualcosa di incredibile su Harry", la donna era scomparsa.
Crawford disse ai vicini che la moglie era fuggita con un idraulico. Nel 1919 il giovane figlio della vedova Birkett scomparsa, rimasto sotto la custodia di Crawford, disse a una zia che il patrigno aveva tentato di ucciderlo da ubriaco. La zia contattò la polizia, che intanto, nel 1917, aveva trovato un cadavere nella Lane Cove: questo venne identificato come il cadavere di Annie Birkett.

La fotografia mostra la Falleni in abiti maschili, probabilmente il giorno dell'arresto. Il negativo portava una nota "Falleni Man/Woman". Può darsi che la Falleni venne costretta a indossare i panni maschili apposta per la foto.

Henry Crawford


4. Joseph Messenger e Valerie Lowe, arrestati il 15 febbraio 1922
I due vennero arrestati più volte per furto con scasso negli anni '20. Messenger divenne un criminale conosciuto, inserito nel NSW Criminal Register come "criminale con esperienza e frequentatore di gang".
La descrizione del suo modus operandi include: "Resiste violentemente all'arresto ... frequenta sale da biliardo e da vino, è nei giri delle corse automobilistiche ... si accompagna con prostitute"

Joseph Messenger e Valerie Lowe


5. Frank Murray alias Harry Williams venne condannato a 12 mesi di lavori forzati per furto con scasso e violazione di proprietà privata. Nella sua descrizione si parla di "prostitute e wine bar", ma viene descritto come una persona tranquilla.

Frank Murray


6. Gilbert Burleigh e Joseph Delaney
Burleigh lavorava come barbiere in un albergo, ricevendo i clienti ed assegnando loro la stanza. In questo modo riusciva a introdursi nelle stanze dei clienti più facoltosi, che rapinava "nel cuore della notte" insieme al suo socio.

Gilbert Burleigh e Joseph Delaney


7. Sydney Skukerman
Una voce nel Supplemento alla NSW Police Gazette Sydney, relativa a Skukerman, (alias Kukarman, alias Cecil Landan) riporta: 'ottiene merci provenienti da magazzinieri falsamente rappresentandosi come l'uomo d'affari destinatario delle merci'.

Skukerman


8. Kong Lee, 27 novembre 1922, locazione sconosciuta.
Nel corso degli anni verrà arrestato più volte per furto e sarà segnalato come esperto scassinatore di casseforti.

Kong Lee


9. Walter Keogh, arrestato il 9 febbraio 1922 con l’accusa di essere un borseggiatore. Negli anni farà carriera, diventando un truffatore che vendeva terreni che in realtà non possedeva.

Walter Keogh


10. Thomas Bede, arrestato il 22 novembre 1928. Rifiutò di aprire gli occhi per la foto segnaletica

Thomas Bede


11. Patrick Riley, arrestato l’11 agosto 1924. Condannato a due anni di lavori forzati per la produzione di denaro falso. In suo possesso venne trovato uno stampo per produrre monete.

Patrick Riley


12. Walter Smith, arrestato il 24 dicembre 1924 e condannato a sei mesi di lavori forzati per due furti in abitazione.

Walter Smith


13. Sidney Kelly, 25 giugno 1924, Central Police Station, Sydney
Kelly fu arrestato molte volte, e di lui si parlò spesso sui quotidiani fino agli anni '40.
Egli è stato accusato di vari reati, tra cui sparatorie ed aggressioni. Nel 1940 è stato un pioniere del gioco illegale baccarat a Sydney. L'immagine che appare nella foto è del Supplemento alla NSW Police Gazette, del 26 Luglio 1926, e la didascalia recita: "operatore illecito di stupefacenti. Guida la sua automobile personale ed è ben vestito. Associato con criminali e prostitute".

Sidney Kelly


14. Herber Ellis, Central Police Station, Sydney, intorno al 1920.
Ellis si trova in numerosi archivi della polizia degli anni 1910, '20 e '30. Egli viene indicato come scassinatore di negozi e di impianti di sicurezza, ricettatore e indagato. Negli anni successivi venne anche accusato del lancio di un missile e di gestione di attività malavitose.

Herbert Ellis


15. Emma Rolfe (nota anche come May Mulholland, Sybil White, Jean Harris and Eileen Mulholland), 1 Aprile 1920, Central Police Station Sydney.
La donna aveva numerose condanne nel periodo 1919-1920 per il furto di gioielli e vestiti (tutti elementi di qualità: camicette di seta, kimono e sciarpe, antiquariato, ecc.) da varie case tra Kensington e Randwick, e dai negozi della città. Viene descritta come una donna matura nel Registro Criminale NSW del 5 dicembre 1934.
In quel momento lei era ben nota per il taccheggio di pellicce pregiate dai grandi magazzini della città. 'Quando viene sottoposta a interrogatorio da parte della polizia, che non ha familiarità con il suo tipo di criminale', riporta la nota, 'lei protesta con forza la sua innocenza, e si sforza di reprimere i suoi intervistatori dichiarando che cercherà il consiglio del suo avvocato.'

Emma Rolfe

Leggi anche...

"Ruby", il cioccolato rosa che promette di diventare la "quarta varietà" di cioccolato
Questi fumetti raccontano (con una punta d'amarezza) la quotidianità dei ragazzi indiani
L'esperimento di David Rosenhan, che dimostrò con quanta facilità si è ammessi a un ospedale psichiatrico, e con quanta difficoltà si è dimessi
Le foto ricolorate degli immigrati di New York rivelano come si vestivano nel 1900 le persone di tutto il mondo
L'ipnotizzante bellezza dei campi coltivati della Moravia
Il messaggio della ragazza che spiega perché la depressione rende le persone così stanche
"Ruby", il cioccolato rosa che promette di diventare la "quarta varietà" di cioccolato Questi fumetti raccontano (con una punta d'amarezza) la quotidianità dei ragazzi indiani L'esperimento di David Rosenhan, che dimostrò con quanta facilità si è ammessi a un ospedale psichiatrico, e con quanta difficoltà si è dimessi
Le foto ricolorate degli immigrati di New York rivelano come si vestivano nel 1900 le persone di tutto il mondo L'ipnotizzante bellezza dei campi coltivati della Moravia Il messaggio della ragazza che spiega perché la depressione rende le persone così stanche