Non perderti neanche un post: seguici su Facebook
In Egitto, gli archeologi hanno scoperto per caso 250 tombe scavate nella roccia
Di recente, il Ministero Egiziano del Turismo e delle Antichità ha annunciato che i suoi archeologi hanno scoperto, per un caso fortuito, centinaia di tombe scavate nella roccia presso la necropoli di Al-Hamidiyah vicino a Sohag, Egitto.
In Egitto, gli archeologi hanno scoperto per caso 250 tombe scavate nella roccia
Di recente, il Ministero Egiziano del Turismo e delle Antichità ha annunciato che i suoi archeologi hanno scoperto, per un caso fortuito, centinaia di tombe scavate nella roccia presso la necropoli di Al-Hamidiyah vicino a Sohag, Egitto.

Di recente, il Ministero Egiziano del Turismo e delle Antichità ha annunciato che i suoi archeologi hanno scoperto, per un caso fortuito, centinaia di tombe scavate nella roccia presso la necropoli di Al-Hamidiyah vicino a Sohag, Egitto.

Gli archeologi stavano ispezionando un sito nell'Egitto meridionale, lungo le rive del Nilo, quando hanno fatto una scoperta inaspettata. Lungo il fianco di una montagna, la squadra ha scoperto diversi ingressi per una serie di insolite tombe scavate nella roccia. Le tombe risalgono a un periodo di oltre 2.000 anni, compreso tra il 2.200 a.C, ovvero l'età dell Antico Regno, e la fine del periodo Tolemaico, nel 30 a.C. 

Le tombe scoperte per caso nella necropoli di Al-Hamidiyah
Le tombe scoperte per caso nella necropoli di Al-Hamidiyah / Ministero Egiziano del Turismo e delle Antichità

Le tombe sono più piccole di quelle nei lussuosi luoghi dove riposano i faraoni, ad esempio la Valle dei Re. Probabilmente, accolgono i governanti e i burocrati della vicina città di Akhmim, che era un importante centro governativo dedito al culto di Min, divinità della fertilità e della sessualità che era anche associata al deserto.

Gli storici credono che la tomba possa far luce sulla classe media dell'Antico Egitto. Sul sito si trovano tombe di stili differenti, posti su diversi livelli nel fianco della parete di roccia. Nelle tombe sono stati trovati diversi artefatti, come frammenti di ceramiche, ossa di animali, vasi di alabastro e perfino uno specchio circolare di metallo.

Secondo Mohamed Abdel-Badiaa, che dirige il Dipartimento delle Antichità dell'Egitto, queste scoperte potrebbero spianare la strada a future ricerche in siti archeologici finora poco considerati. "L'Egitto ha molti siti archeologici, ma bisogna far luce su altre aree sconosciute" ha detto ad Al-Monitor. Gli scavi "non si dovrebbero limitare ad aree archeologiche famose come Saqqara o Luxor". Tutti questi siti possono offrire un'immagine ricca di quello che era l'Antica Egitto. Ogni nuova scoperta porta a una migliore comprensione della realtà storica di questo sorprendente popolo vissuto migliaia di anni fa.

Frammento di ceramica dal sito della necropoli di Al-Hamidiyah vicino a Sohag, Egitto.
Frammento di ceramica dal sito della necropoli di Al-Hamidiyah vicino a Sohag, Egitto. /Ministero Egiziano del Turismo e delle Antichità
Copiato!